Michela Isalberti

Organizzazione del lavoro

La gestione ordinaria delle Risorse Umane nelle realtà di minori dimensioni viene spesso associata ad adempimenti esclusivamente amministrativi: “fare le paghe”.

L’innovazione digitale determina variazioni nell’organizzazione, nei tempi, nei luoghi di svolgimento della prestazione lavorativa e porta a ripensare la relazione datore di lavoro – lavoratore.

I tradizionali strumenti di gestione delle Risorse Umane si integrano con nuove conoscenze, nuovi modelli organizzativi, manageriali e comportamentali.

La retribuzione, il valore di scambio che da sempre caratterizza il rapporto di lavoro, negli anni ha acquisito un differente significato. E’ sempre più uno scambio tra lavoro e “benessere”. “Benessere” inteso come equilibrio vita-lavoro, qualità delle relazioni in azienda, fiducia e senso di appartenenza, sviluppo delle potenzialità e del clima aziendale.

Nuovi metodi di svolgimento della prestazione lavorativa, come lo smart working, nuovi strumenti di partecipazione economica e sociale, come il welfare aziendale, sono “sinonimi” di flessibilità, partecipazione, responsabilizzazione, motivazione ed economicità.

I confini tra vita privata e lavoro sono sempre più deboli: con lo smartworking il lavoro “entra in casa”, con lo smartphone la vita privata “entra in azienda”.

Riuscire a bilanciare in modo equilibrato il tempo dedicato al lavoro ed alla vita privata, il così detto work-life balance, è una delle principali sfide del nostro tempo.

La gestione ordinaria delle Risorse Umane nelle realtà di minori dimensioni viene spesso associata ad adempimenti esclusivamente amministrativi: “fare le paghe”.

L’innovazione digitale determina variazioni nell’organizzazione, nei tempi, nei luoghi di svolgimento della prestazione lavorativa e porta a ripensare la relazione datore di lavoro – lavoratore.

I tradizionali strumenti di gestione delle Risorse Umane si integrano con nuove conoscenze, nuovi modelli organizzativi, manageriali e comportamentali.

La retribuzione, il valore di scambio che da sempre caratterizza il rapporto di lavoro, negli anni ha acquisito un differente significato. E’ sempre più uno scambio tra lavoro e “benessere”. “Benessere” inteso come equilibrio vita-lavoro, qualità delle relazioni in azienda, fiducia e senso di appartenenza, sviluppo delle potenzialità e del clima aziendale.

Nuovi metodi di svolgimento della prestazione lavorativa, come lo smart working, nuovi strumenti di partecipazione economica e sociale, come il welfare aziendale, sono “sinonimi” di flessibilità, partecipazione, responsabilizzazione, motivazione ed economicità.

I confini tra vita privata e lavoro sono sempre più deboli: con lo smartworking il lavoro “entra in casa”, con lo smartphone la vita privata “entra in azienda”.

Riuscire a bilanciare in modo equilibrato il tempo dedicato al lavoro ed alla vita privata, il così detto work-life balance, è una delle principali sfide del nostro tempo.

Aree di Attività

People Management

Organizzazione del lavoro, progetti di smart working e piani di welfare aziendale per microimprese e PMI.